Eventi Origami

Lavoretti di Halloween: la zucca matematica

Halloween è una ricorrenza che non appartiene alla nostra tradizione, ma piace così tanto ai bambini che è impossibile non festeggiarla. Per questo motivo ho deciso di condividere con voi e i vostri figli una decorazione sorprendente: la zucca matematica.

Conoscete il senso di frustrazione che si prova chiedendo ai bambini cosa hanno fatto a scuola? In genere, quando tento di fare domande, Furbetto mi risponde che è un segreto.

Qualche giorno fa invece ho avuto fortuna, mi ha raccontato di aver imparato i frutti dell’autunno e di averli disegnati su un cartellone. Indovinate cosa ha scelto di rappresentare?

Sarà che a casa nostra, in questo periodo, non manca proprio mai. Questa è la prima zucca della stagione, direttamente dall’orto del nonno; con il riso, al forno, per dolci o marmellate, a noi piace davvero tanto.

Ad essere sincera però, la passione per la zucca nasce da quella per mostri e fantasmi. È già da qualche giorno che lungo il tragitto che percorriamo in macchina, da scuola verso casa, Furbetto mi urla: “Mamma…una zucca!”.

Si tratta di una decorazione di Halloween che gli desta sempre grande meraviglia, forse anche troppa, così puntualmente finisco per inchiodare dallo spavento.

Anche se è una ricorrenza che non appartiene alla nostra tradizione, piace così tanto ai bambini che è impossibile non festeggiarla. Per questo motivo ho deciso di condividere con voi e i vostri figli una decorazione sorprendente: la zucca matematica.

Perché zucca matematica?

Se vi state chiedendo cosa c’entra la matematica con la zucca di Halloween, dovete sapere che per realizzare questa decorazione bisogna prima conoscere un teorema. Lo so, già siete in preda a un attacco di panico ma non vi preoccupate, basterà leggere l’enunciato.

Questo sarà sufficiente per assicurarvi che vale la pena proseguire con tutti i passaggi: otterrete veramente una zucca, perché il teorema è stato dimostrato!

Teorema “Fold and One-Cut” (da J. O’Rourke, How to fold it, Cambridge Univ. Press, 2011)

Ogni figura disegnata su un foglio e composta da segmenti può essere piegata piatta in modo che un solo colpo (rettilineo) di forbici tagli tutti i segmenti che compongono la figura e nient’altro.

Quindi se si disegnano delle poligonali che non si sovrappongono tra loro (per esempio i triangoli che raffigurano il volto della zucca) e si piega opportunamente il foglio in modo che i bordi risultino perfettamente allineati, si può estrarle tutte insieme tagliando con un colpo solo di forbici lungo un segmento.

Il teorema è stato dimostrato da due gruppi di matematici: il primo diede una dimostrazione più costruttiva che però non teneva conto di tutti i casi possibili, il secondo diede la dimostrazione completa ma più teorica.

Se siete curiosi di sapere come i matematici si divertono con problemi del genere, vi consiglio di vedere alcuni momenti della lezione di Erik Demaine, professore del MIT. Sul sito troverete molti crease pattern (gli schemi da stampare con line a monte e a valle) per generare diverse forme tra cui la zucca di Halloween e il Tangram, di cui vi avevo già parlato.

La zucca di Halloween

Siamo finalmente pronti per ottenere la zucca di Halloween e stupire i nostri bambini. Per prima cosa dovrete stampare l’immagine della zucca e ritagliare l’ottagono che la delimita.

Potrete scegliere di stamparla dal sito che vi ho indicato oppure scaricare quella che ho colorato per voi:

Piegate per prima cosa lungo l’asse di simmetria centrale; la linea è del tipo tratto-punto che va piegata a monte. A questo punto, guardando una faccia del foglio seguite le linee e cominciate a pre-piegare a monte (linea tratto-punto) o a valle (linea tratteggiata).

Una volta terminata l’operazione di piegatura viene la parte un po’ più difficile: dovete fare collassare le pieghe simultaneamente in modo che i bordi di occhi, naso e bocca risultino bene allineati.

Infine, tagliate con un solo colpo di forbici e riaprite la zucca: magia!!!

La Zucca Matematica

Non vi preoccupate se all’inizio vi sembrerà di non riuscire a piegare correttamente il foglio, dovrete munirvi di pazienza e come per la Stella di Samuel Loyd, una volta riusciti nell’ impresa, difficilmente dimenticherete come ottenere il risultato!

Ora che avete tante zucche potete decidere come decorare la vostra casa. Noi abbiamo pensato di plastificarla e trasformarla in una maschera perché Furbetto è un amante di Scooby-Doo e voleva travestirsi da Cavaliere testa di zucca!

Con questa tecnica potete “tirare fuori” dal foglio qualsiasi poligono, quindi può diventare un utile esercizio da fare con gli studenti a scuola. Per prendere dimestichezza con la matematica dei tagli, vi consiglio di partire con progetti semplici. Il Centro diffusione origami ha messo a disposizione un bellissimo video sull’argomento.

Video del Centro Diffusione Origami

Per ulteriori approfondimenti, vi lascio qui anche il link della pagina da cui io stessa ho appreso il teorema e che fornisce utili spunti didattici. Non mi resta che augurarvi buon lavoro e non esitate a contattarmi se avete problemi di piegatura!😅

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: