Viaggi

Museo del Balì – Scienza e matematica da toccare

Come lo scorso anno, abbiamo trascorso le nostre vacanze sulla riviera del Conero e non potevamo farci sfuggire l’occasione di visitare il Museo del Balì.

Si tratta di un museo adatto a tutte le età, in cui la scienza si mette in pratica ed esiste una sola regola: vietato non toccare!

Questo permette di stimolare la curiosità di grandi e piccini, osservando e sperimentando molteplici aspetti della scienza.

Museo del Balì
Fulmini in bottiglia

Il percorso si articola in 9 sale suddivise in aree tematiche: percezione, fisica, matematica, astronomia, scienze della Terra e della vita. Se volete un piccolo assaggio consultate il sito alla sezione exhibit interattivi.

Per ogni esperimento i bambini hanno a disposizione una cartellonistica con spiegazioni semplici. Per gli adulti più curiosi invece c’è la possibilità di ricevere maggiori informazioni inquadrando un QR code.

Museo del Balì
Crivello di Eratostene

Per accedere al museo è necessario prenotare online. Il biglietto di ingresso permette di entrare sia nelle sale con le postazioni interattive che di partecipare allo spettacolo del planetario, strumento che permette la simulazione di un cielo stellato in una stanza del museo.

Museo del Balì
Riflessioni matematiche

Se come noi deciderete di prenotare tra il 10 e il 12 agosto, il periodo delle stelle cadenti, avrete l’opportunità di puntare gli occhi al cielo accedendo all’osservatorio.

Furbetto è rimasto entusiasta di tutta la visita, tanto che a distanza di giorni, ricorda quasi tutte le postazioni.

Museo del Balì
Teorema di Pitagora

Se poi nella notte stellata alziamo il nostro sguardo al cielo, ormai lo sento urlare: “Guarda mamma, quello è Saturno e quella è l’Orsa Maggiore!”.

Il museo è davvero un posto magico, si lascia portando via con sé il desiderio di capire tutto quello che ci circonda.

Ci fa intuire che la curiosità dei bambini è un motore che noi adulti non dovremmo mai lasciar spegnere ma alimentare continuamente.

Il mio consiglio quindi è di visitarlo assolutamente e di seguire la pagina facebook del museo dove rimanere sempre aggiornati e scoprire le tante iniziative organizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top